Se abbiamo deciso di prendere un cane di razza allora dovremo rivolgerci a un allevamento, ma come sceglierlo? Allevamento amatoriale o allevamento professionale? Che differenze ci sono?

La Legge del 23/08/1993 prevede che una persona diventi allevatore professionale nel momento in cui ha cinque cani femmina che partoriscono in totale almeno 30 cucciolo all’anno: in questo caso l’allevatore diventa imprenditore agricolo e quindi allevamento professionale. Questi allevatori hanno l’obbligo di iscriversi alla Camera di Commercio, registrare le operazioni finanziarie e la movimentazione dei pelosi, emettere documenti fiscali. Un altro obbligo che hanno è quello di esporre in maniera visibile l’autorizzazione sanitaria che garantisca che la struttura dell’allevamento è a norma.

Ogni regione, poi, ha normative singole e separate per la gestione e ad oggi non esiste una direttiva nazionale per quanto riguarda soglie, autorizzazioni ecc. ecc.

Un allevatore amatoriale è una qualsiasi persona che ha uno o più cani ai quali fa fare dei cuccioli che poi vende ai privati. In questo caso, se gli incassi sono in attivo, dovrà dichiarare la sua attività come “attività commerciale esercitata occasionalmente”, mentre se dimostra che gli incassi sono inferiori alle spese non dovrà dichiarare nulla. Purtroppo la legislazione è poco chiara e in Italia ogni persona può vendere i suoi cuccioli, purché le movimentazioni degli animali siano registrati all’anagrafe canina (come quella dell’Emilia Romagna).

Entrambi, allevamenti amatoriali e allevamenti professionali, hanno gli stessi obblighi nei confronti di chi decide di prendere un cane: devono garantire la tracciabilità, la salute dei genitori e dei cuccioli.

Allevatori professionali e allevatori amatoriali possono essere nell’affisso ENCI e iscritti al registro allevatori, regolato dal Ministero delle Politiche Agricole che, però, non ha stabilito dei parametri per distinguere gli “amatori” dai “professionisti”. Le uniche regolamentazioni presenti sono quelle che definiscono gli standard per poter essere inseriti nel Registro Origini Italiano (ROI).

Quando decidiamo di prendere un cane è sempre bene informarsi su chi è l’allevatore… semplicemente per essere sicuri che il nostro cucciolo sia sano e possa vivere con noi una vita bellissima!

a cura della Redazione di Networkdacani

Allevamento o canile?
Consulenza pre adozione per una scelta consapevole
Quale razza?