Come noi, i nostri amici a quattro zampe hanno cinque sensi, ma fra i loro e i nostri c’è qualche differenza… Scopriamo quali sono le principali caratteristiche di olfatto, udito, vista, tatto e gusto dei cani!

Vediamo quali sono le maggiori differenze:

Olfatto

Per il cane è il senso primario, cioè quello più sviluppato e che tende ad usare maggiormente: il cane possiede 220 milioni ricettori olfattivi (noi umani ne possediamo da 5 a 10 milioni), ha una memoria olfattiva molto più sviluppata della nostra e, per questo, tende a ricordarsi molto bene gli odori che registra, riconoscendoli anche a distanza di molto tempo.

Quando il nostro peloso visita un nuovo ambiente prende informazioni proprio grazie al suo tartufo, così come noi ci guardiamo intorno!

Udito

Gli amici a quattro zampe hanno un udito formidabile: più sensibile e più potente del nostro, riesce a percepire un suono ad una distanza 4 volte superiore a quella che percepiamo noi e su frequene da 40 a 46mila Hertz. Grazie alle orecchie mobili, il cane ha un vantaggio nella comprensione della fonte da cui il suono proviene.

Praticamente il nostro peloso riesce a distinguere anche gli ultrasuoni e se lo vediamo con le orecchie in attenzione mentre noi siamo seduti sul divano a leggere nel silenzio… beh, probabilmente lui ha sentito qualcosa che noi non riusciamo a sentire!

Vista

I cani hanno un campo visivo molto sviluppato, che arriva a circa 270 gradi, mentre le persone riescono a ruotare il capo per circa 180 gradi. Il suo senso della vista percepisce meglio le cose in movimento rispetto a quelle ferme e mette a fuoco oggetti che si trovano a meno di 50 metri dal suo muso… però la sua vista funziona in condizioni di luminosità anche scarse…

Il nostro peloso ha meno capacità di distinguere i colori rispetto a noi e la sua vista è meno dettagliata, ma se di notte abbiamo bisogno di una guida lui sarà il nostro più fedele compagno!

Tatto

Anche i pelosi utilizzano questo senso, ma se le persone percepiscono tramite la pelle loro lo fanno attraverso le cellule sensoriali che si trovano nei peli e nei baffi (vibrisse): questi sono davvero importanti per il cane, perché hanno una maggiore innervazione e grazie a questi “peli speciali” il nostro amico a 4 zampe riesce a captare il mondo che lo circonda!

Gusto

I cani hanno solo 1700 papille gustative (gli umani ben 9000), ma questa “mancanza” è dovuta al fatto che il cane, prima di mangiare qualcosa, utilizza il senso dell’olfatto per decidere se il boccone è appetibile oppure no!

Quindi non stupiamoci se il nostro peloso adora annusare l’aria quando stiamo cucinando qualcosa o preparando la sua pappa… avrà certamente l’acquolina in bocca!

a cura di Elena Rossi educatore cinofilo - I like free dogs – http://www.elenarossieducatorecinofilo.com/

Il metodo gentile
La comunicazione del cane
Fiori di Bach per cani

Passeggiata didattica al Castello di Torrechiara con I Like Free Dogs