La comunicazione acustica.

Anche se i cani non sono in grado di articolare le parole, hanno però sviluppato una vasta gamma di vocalizzazioni. Mentre i segnali visivi hanno efficacia sulle distanze brevi, i vocalizzi raggiungono lunghe distanze. Per esempio pensiamo a un cane che dalla sua casa risponde all’abbaio lontano di un altro cane.

Questo significa avere un cane che non salta addosso alle persone, non ti trascina se nota qualcosa di più interessante, è capace di stare tranquillo e seduto se stai
chiacchierando e, perché no, anche se sei al bar! Questo accade quando si ha alle spalle una buona educazione e un buon educatore cinofilo.

Il cane per indole è un animale molto curioso, deve esplorare il mondo, annusare, assaggiare, vedere, odorare ecc…. Ma spesso incappiamo in problemi soprattutto nel mangiare, le famose polpette avvelenate!!

Che cos’è innanzitutto il GIOCO?
Non esiste una vera e propria definizione per il gioco; attingendo alla letteratura cinofila troviamo varie definizioni tra cui queste:

La condivisione di momenti arricchenti, da un punto di vista emozionale ed esperienziale, è il principio di base per il quale la “passeggiata a 6 zampe” rappresenta un’attività, non solo ludica e motoria, ma anche significativamente educativa.

Queste attività rappresentano, sia per la componente canina che per quella umana, un’occasione di crescita individuale e di gruppo basata su esperienze tangibili, in

Il gioco riveste un ruolo fondamentale nell'educazione e istruzione del nostro amico a quattro zampe, fornendo innumerevoli opportunità di apprendimento e apportando divertimento e gratificazione.