È importante ricordarsi che i bambini, soprattutto i neonati, per il cane non sono delle persone piccole ma degli esseri viventi differenti. Infatti i bambini hanno un odore diverso da quello degli adulti, vocalizzano in maniera differente e si muovono diversamente da noi. Perciò è possibile che il cane o il gatto possano reagire con paura

o agitazione quando non li hanno conosciuti in maniera corretta durante il loro sviluppo comportamentale.

Perciò è importante che il cane/gatto associ la presenza dei bambini a cose estremamente positive. Per fare ciò, ad esempio quando siete in passeggiata con il cane, tutte le vote che incontrate un bambino per strada, chiedete al cane di sedersi e premiatelo per il comportamento corretto.

Se un bambino si avvicina, chiedete al cane di mettersi seduto e premiatelo molto se rimane tranquillo. Nel frattempo chiedete al bambino di non urlare e di aspettare che sia il cane ad avvicinarsi a lui. È importante che il bimbo non si pieghi sopra di lui per abbracciarlo (questo può essere interpretato dal cane come una minaccia), ma chiedetegli di accarezzarlo delicatamente.

E’ fondamentale supervisionare ogni interazione dei nostri cani e gatti con i bambini! I bambini infatti, soprattutto se molto piccoli, non sono in grado di leggere i segnali di disagio inviati dagli animali, e potrebbero di conseguenza indurli a reagire in situazioni che li preoccupano.

Prima che nasca il bambino:

  • Portate a casa tutti gli oggetti che serviranno per il bambino (es la carrozzina) e permettete al cane /gatto di avvicinarsi per annusarle. Ogni volta che lo fa ditegli che è bravo e fategli una carezza. In modo che si abitui in maniera positiva e graduale alla presenza di questi nuovi oggetti del bambino.
  • Utilizzate il cd con i suoni dei bambini: potete metterli in sottofondo e farli andare in ripetizione a volume basso, in modo che il cane/gatto si accorga del suono ma non sia infastidito da questo. Aumentate gradualmente il volume dello stereo. Quando avete voglia e tempo potete associare qualcosa di positivo ai suoni in sottofondo, come il gioco, il cibo, le carezze, ecc.
  • Potete ridurre leggermente le interazioni con il cane/gatto prima della nascita del bambino, in modo che la riduzione, che normalmente si avrà, non sia associata all’arrivo del bimbo.
a cura dello staff di Pet's Play - Centro Comportamentale Polifunzionale del cane e del gatto http://www.petsplay.it/