Lo scorso mese abbiamo parlato di come un peloso percepisce l'abbraccio, ma cosa possono fare i genitori/proprietari quando i bambini cercano di abbracciare il cane?

 

  • Vigilare: ogni relazione sociale si basa su tante variabili, non solo sul carattere delle parti in causa ma sulle componenti emotive, psicologiche, fisiche e fisiologiche di ogni individuo in un dato momento. Non è possibile assumere con certezza quali saranno le risposte di uno specifico individuo in un determinato momento. La supervisione, continua e attenta, da parte degli adulti è l’unica vera misura di sicurezza.

 

  • Dare sempre al cane la possibilità di allontanarsi nel caso percepisca come negativa una determinata interazione. Premiare sempre il cane quando rimane tranquillo in presenza del bambino, questo aumenterà la tolleranza del cane e la sua tendenza a rivolgersi al proprietario in caso di bisogno.

 

  • Imparare a leggere (e rispettare) i segnali di stress del cane, ogni reazione aggressiva è sempre preceduta da una condizione ansiogena. Se i proprietari imparassero a leggere correttamente il linguaggio corporeo del cane molti episodi di aggressività potrebbero essere evitati.

 

  • Insegnare ai bambini il rispetto e l’empatia chiarendogli cosa il cane ama e cosa invece potrebbe innervosirlo e spingendoli ad una interazione basata sulla comprensione e sull’accettazione della diversità animale.

 

La convivenza tra cani e bambini, se gestita correttamente, è una preziosa opportunità ma non può che passare per una corretta educazione al rapporto.

Rapporto in cui, che il cane sia “buono” NON è, come spesso erroneamente si pensa, l’aspetto più importante!


a cura di Ludovica Pierantoni, educatore cinofilo - CANbridge University - http://www.canbridge.it/

Le regole di base per educare un cane
Per favore non abbracciarmi