Sigmund Freud diceva “ Il sentimento per i cani è lo stesso che nutriamo per i bambini”.

Poniamo spesso bambini e cani sullo stesso piano sociale ed emozionale, li consideriamo anime indifese, ci inteneriamo ad osservarli nelle loro movenze con le quali ci comunicano sempre emozioni ed esigenze, ma è importante considerare sempre che non sono la stessa cosa ma che appartengono a due specie diverse. Il rapporto tra bimbi e cani, incuriosisce molti, da sempre sentiamo dire che sono simili, che creano tra loro una saldo legame soprattutto di complicità, ma non va dimenticato quanto sia delicato e difficile questo rapporto, proprio perchè sono simili e non uguali tra loro. Ricordare questo, aiuta a valutare e comprendere le diverse situazioni e a considerare il comportamento più adeguato.

Nessuno studio ad oggi ha accertato o confermato che il cane abbia un particolare modo di comportarsi o di considerare il bambino, ma secondo le varie esperienze raccontate e vissute sappiamo che esiste veramente un rapporto speciale tra i due soggetti. Il cane non vede il bambino come un piccolo umano ma bensì come qualcosa di diverso come odori, suoni, e movimenti che lo distinguono da una persona adulta. Infatti quando il bambino cresce, il cane viene posto dinnanzi ad un essere in continua evoluzione, tenterà quindi di comportarsi e di relazionarsi come farebbe con una persona adulta. A volte il cane vede nel bambino un “animale” da difendere quindi emerge il comportamento di protezione nei suoi confronti, oppure al contrario lo scambia per una preda attuando quindi un comportamento predatorio spesso pericoloso.

Frequentemente il cane comunica con il cucciolo di uomo nello stesso modo con cui comunica con un cucciolo della propria specie, viene compresa, in entrambi i casi, la“difficoltà” dell'essere (dimensione del corpo/movenza) e la sua emozione (curiosità/paura) mettendolo a suo agio cercando il giusto approccio per poter interagire.

Crescere insieme ad un cane è una grande opportunità e per certi versi un privilegio, ma non bisogna sottovalutare la diversa natura delle specie quindi è essenziale che i gli adulti presenzino sempre quando bambini e cani sono insieme per evitare comportamenti inadeguati e/o pericolosi da parte di entrambi. A tal proposito ritengo sia molto importante anche ai fini educativi insegnare al bambino il corretto comportamento da riservare al cane in generale, come avvicinarsi, come accarezzarlo e quando lasciarlo stare rispettando il suo spazio, soprattutto se siamo di fronte a cani di piccola taglia che ai nostri occhi sembrano sempre capaci di “sopportare” tutto e tutti . Già, parlo di rispetto e di spazio perché ritengo siano due fattori fondamentali in un rapporto equilibrato, soprattutto in questo, dove spesso l'uomo pecca di egocentrismo.

a cura di Patrizia Sassi – Educatore Cinofilo - Campo Hobbit - http://www.campohobbit.it/

Le Fobie Sociali nel cane