Il comportamento aggressivo nel cane si può manifestare con il semplice alzare il labbro, mostrare i denti, abbaiare, così come con ringhiare, pizzicare o con il morso vero e proprio. L’aggressività in alcuni casi è utile all’animale per difendere se stesso da pericoli e minacce o proteggere le sue risorse come il cibo,

gli oggetti o il proprietario. L’aggressività può diventare però un problema per le persone che lo gestiscono, così come per le altre persone,  cani e animali o per il cane stesso.
Sebbene si tenda a inserire sotto questa voce un gran numero di comportamenti e a credere che un cane aggressivo sia mal gestito, dominante o cattivo in realtà esistono differenti tipi di aggressività, ognuno con cause e sintomi distinti.

Un comportamento aggressivo può ad esempio essere sintomo di un disagio del cane, che può manifestare la sua paura o dolore o irritazione o frustrazione in questo modo, oppure essere il risultato di una motivazione di razza mal gestita o indirizzata, come quella territoriale, predatoria o protettiva.

In ogni caso è bene non sottovalutare questo comportamento, nell’interesse del cane e degli individui che lo circondano.

Il primo passo è che, insieme al Comportamentalista, venga fatta l’anamnesi del caso ed emessa la corretta diagnosi differenziale. Infatti ogni forma di aggressività è differente, e quindi lo è anche il percorso rieducativo: proprio per questo è importante che lo specialista individui la o le forme di aggressività mostrate dal cane.

Per fare alcuni esempi, si possono identificare: aggressività da paura (difendere se stessi da qualcosa o qualcuno che si reputa e si percepisce come pericoloso) che è una forma molto frequente ma spesso non compresa, oppure possessiva (difendere un oggetto che il cane ritiene di valore),protettiva (difendere i membri del proprio gruppo sociale), competitiva (entrare in competizione per delle risorse ritenute importanti e di valore),territoriale (difendere quello che si ritiene il proprio spazio),intraspecifica intrasessuale (verso altri cani dello stesso sesso), etc.

Come detto sopra, è essenziale individuare quale tipo di aggressività mostri un cane per effettuare il corretto programma di modificazione comportamentale. Solo comprendendo le motivazioni, le cause scatenanti e sottostanti ed attraverso un’anamnesi completa del caso, si potrà impostare un programma terapeutico in grado di affrontare e risolvere questi comportamenti.


a cura di Eleonora Mentaschi, educatore cinofilo - scuola cinofila Il Mio Cane www.ilmiocane.net

Il cucciolo è arrivato a casa... parte prima!

Il cucciolo è arrivato a casa... parte seconda
Problemi comportamentali del cane: l'ansia da separazione... parte prima!
Problemi comportamentali del cane: l'ansia da separazione... parte seconda!