La Filariosi è una malattia che può colpire i cani, veicolata dalle zanzare e in particolare dalla zanzara tigre. A seconda del parassita veicolato, la filariosi può presentare una forma cardiopolmonare (causato da Dirofilaria immitis) oppure cutanea (causato da Dirofilaria repens).

  • Le larve del parassita Dirofilaria immitis entrano nel sistema circolatorio e, una volta diventati vermi adulti (lunghi anche 15 cm), si insediano nelle vicinanze di cuore e polmoni provocando disturbi cardiaci e respiratori. Crescono e si diffondono in maniera massiccia tanto che se non viene diagnosticata in tempo può provocare la morte dell’animale.
  • Le larve di Dirofilaria repens vanno a localizzarsi nel sottocute, procurando danni decisamente minori.

La forma più grave è la filariosi cardiopolmonare ed è diffusa soprattutto al Nord in particolare in tutta la Pianura Padana.

Purtroppo la malattia si sta diffondendo anche in Toscana nelle zone pianeggianti e costiere della Sardegna e in alcune aree della Sicilia e della Campania.

La filariosi può manifestarsi anche a distanza di mesi rispetto al momento del contagio, è perciò importante eseguire periodicamente il test di controllo presso il veterinario di fiducia.

Per prevenirla si possono effettuare delle punture annulai, fialette da versare sul pelo come Spot On, ma anche le più diffuse tavolette e pastiglie da prescrivere per contrastare il periodo di maggiore rischio.

Nel caso di contagio la malattia può essere curata ma la terapia è luna e complessa.

Il dosaggio dei medicinali varia da soggetto a soggetto ed è di competenza del veterinario.

a cura di Ketty Di Matteo - Educatrice Cinofila - Campo Hobbit - http://www.campohobbit.it/  

Le Fobie Sociali nel cane
Crescere insieme: il rapporto bambini cani
Motivazioni e Apprendimento Naturale