I cani riescono a mantenere la propria temperatura corporea, che è 38,5*, solo entro certi limiti. Loro non hanno le ghiandole sudorifere come noi,

"sudano" solo tramite i polpastrelli, quindi per abbassare la temperatura usano l'iperventilazione, il che significa l'aumento della respirazione. La temperatura elevata può oltre che dal caldo essere data dal troppo gioco, da una situazione di stress, dall'impossibilitá di andare all'ombra o di bere e dalla sosta troppo lunga in auto, senza i giusti accorgimenti, sappiate che la temperatura che percepiamo noi è differente per loro e in auto si alza di circa 4* ogni ora.

Ci sono anche soggetti più portati a questo problema come tutti quei cani dal setto nasale schiacciato, i cuccioli o gli anziani, cani obesi, a cui è stata fatta una tosatura troppo corta, ricordiamoci che il pelo a loro serve per proteggersi dal freddo come dal caldo.

Il colpo di calore si ha quando la temperatura del cane supera i 40,5*/41*, i sintomi sono l'eccessiva iperventilazione, vomito e/o diarrea, perdita della coordinazione motoria, tremori o addirittura convulsioni, perdita di coscienza, stato di shock e morte. Possiamo intervenire prontamente ai primi sintomi iniziando a portare il cane in un luogo fresco, in caso di vomito tenerlo con la testa leggermente in basso in modo da evitare il soffocamento, bagnare il cane con acqua non gelata o tamponare con ghiaccio tenendo controllata ogni 5 minuti la temperatura e non farla scendere sotto i 39*, non obbligare il cane a bere, appena stabilizzato CORRERE dal veterinario.

Ilaria Grandis - Esperto cinofilo SocialDog www.socialdog.it