Se pensiamo ad un cane di tipo molossoide l’immagine che ci viene in mente è quella di un cane forte, imponente, grande di stazza… ma invece esistono anche molossoidi di piccola taglia! Facciamo un passo indietro.
Per millenni i molossi sono stati impegnati inizialmente per la caccia alla selvaggina grossa e pericolosa, specie per quei predatori che danneggiavano e aggredivano il bestiame al pascolo. In seguito i molossi furono anche impiegati per guerre e combattimenti e per lavoro e generalmente erano di taglia media o grande proprio per adempiere in modo corretto ai loro compiti: sostanzialmente compiti di forza e di guardia.
Tutti i molossi di piccola taglia sono frutto  di una selezione operata dall'uomo nel corso dei secoli, con diversi incroci. Lo scopo di questa selezione è stato quello di ottenere cani adatti a svolgere dei precisi compiti come uccidere topi o serpenti da case e scuderie o per combattere con i propri simili o per partecipare a gare dove vinceva chi uccideva il maggior numero di topi, anche se oggi vengono considerati cani da compagnia.
Quindi i molossi possono essere sia di grande taglia che di piccola taglia.
Anche se un molosso è di piccola taglia deve essere gestito con rispetto e non come un peluche. Anche se il corpo è piccolo sono cani di carattere e di tempra, cani che hanno degli specifici istinti e esigenze che non devono essere sottovalutati. Non devono fare una vita sedentaria o metropolitana visto che sono raffigurati come cani da compagnia ma hanno bisogno di fare cose da cani: correre nel prato, giocare con la palla, appagare i propri istinti, queste attività sono fondamentali per avere un cane equilibrato.
Certo come taglia sono più gestibili, ma questo non vuol dire che non abbiano le stesse esigenze di quelli di taglia grande!
Vediamo quali sono alcuni molossi di piccola taglia: Carlino, Bouledogue Francese, Boston Terrier, Standforschire Bull Terrier.
Quindi quando decidiamo di prendere un cane di piccola taglia non dobbiamo dare per scontato che abbia esigenze e bisogni differenti da uno di taglia grande, anzi alcune volte hanno bisogno di essere tutelati di più e di essere gestiti nel modo migliore, perché un cane di taglia grande è in grado di avere reazioni che affermino le sue esigenze ed essere rispettato per questo mentre un cane di taglia piccola, solo per il fatto che sia piccolo, non è in grado o per lo meno per noi le sue reazioni sono meno di impatto e meno evidenti quindi siamo molto più superficiali nel gestirlo.
Quindi le dimensioni non contano, ma contano molto di più le predisposizioni di razza, il carattere e quello che ci comunica il nostro cane!

a cura di Elena Rossi educatore cinofilo - I like free dogs – http://www.elenarossieducatorecinofilo.com/

La comunicazione del cane
Fiori di Bach per cani
I cinque sensi del cane
L'importanza del gioco