Vi è mai capitato di sentirvi una preda? E’ una sensazione che affonda le sue radici nelle tenebre di un passato ormai remoto. Nel 2003 i mei cani Lajka della Russia Europea ed io eravamo stati scelti dall’Università di Udine per un progetto di monitoraggio dell’Orso Bruno Europeo. Quel giorno particolare ci trovavamo, il prof. Filacorda, il mio collaboratore Alessio, io e i nostri due maschi Taras e Zar di un anno, nella foresta del Monte Nevoso in Slovenia (un orso ogni 10 chilometri quadrati).
Ad un certo punto le nubi si erano velocemente raccolte e con fragore di tuoni il temporale stava per sovrastarci. Tempo da lupi, anzi, da orsi. E’ con un tempo così che gli orsi si muovono.

Improvvisamente, molto vicino, sentimmo dei forti colpi, come un martello che batteva sul legno. L’orso.

Era lui il grande custode del bosco. Io e il mio fedele Zar che eravamo rimasti separati dagli altri, ci guardammo. E fu in quel momento che, a pochi passi, proveniente da una fitta faggeta, sentii un profondo, gutturale ruglio. “Vattene, sciocco umano, allontanati” mi stava dicendo quel ruglio e io presi a correre.

Orso, cane, umano! L’essenza pura del tutto, niente inutili chiacchiere, la nuda verità, ogni sovrastruttura civile spazzata via in un lampo. Io preda non più cacciatore. Tre esseri senza tempo, quasi senza identità. Se l’orso avesse caricato solo il cane avrebbe potuto farmi da scudo.

Sono passati anni da quel momento, ma un’esperienza così ti segna per sempre.

Il Lajka russo-europeo è un cane di tipo primitivo, un cacciatore ancestrale che da secoli affianca l’uomo nella lotta per la sopravvivenza in luoghi remoti e ostili. La vita con questi cani mi ha insegnato molte cose, la prima senza dubbio l’umiltà, necessaria per poter affrontare situazioni estreme come l’incontro con un grande carnivoro. E poi, l’amicizia, quel vincolo profondo di fiducia assoluta l’uno nell’altro che si rinforza nella condivisione di momenti unici. Il Lajka russo-europeo è un cane speciale con un’anima sensibile, ma non è per tutti. E’ per persone pronte a lasciarsi trasportare nel suo mondo, un mondo più pulito, più semplice, più naturale.

a cura di Daniela Castellani educatore cinofilo - Centro Cinofilo Lupo Nero - http://www.centrocinofiloluponero.com/ 

Storia di un'amicizia
Il mio Basenji, cane dell'Africa