Basta entrare in un negozio qualsiasi che tratta articoli per animali per rendersi conto della quantità di marche e tipologia di cibo che si trova a disposizione per i nostri amici a 4 zampe. Non sempre la scelta è semplice, di sicuro il tipo di alimentazione maggiormente acquistata per il cane è quella disidratata, sotto forma di crocchette.

Questo tipo di dieta ha molteplici vantaggi: è comoda e pratica perché basta aprire il sacco, dosare la quantità necessaria e versarla nella ciotola del cane. È un cibo reperibile in qualsiasi negozio di alimenti ed è facilmente trasportabile. I veterinari sponsorizzano molto questa alimentazione, in quanto le crocchette, dal punto di vista nutritivo, contengono tutto ciò di cui ha bisogno il cane.

Di che cosa ha bisogno il cane? Giacomo Biagi, veterinario dell Università di Bologna, che si occupa di alimentazione degli animali d'affezione, sostiene che, affinché una dieta soddisfi il fabbisogno nutrizionale di un cane, debba apportare tutte le sostanze nutritive di cui l'animale ha bisogno, dove per sostanze nutritive si intendono proteine, lipidi, carboidrati, fibre, minerali e vitamine.

Leggendo l'etichetta di un mangime secco ricordiamoci che :

- gli ingredienti sono scritti in ordine decrescente di quantità, da quello presente in maggiore quantità a quello presente in minoranza

- al primo posto devono comparire carne o pesce, visto che i nostri cani sono animali carnivori

- se l'alimento è fatto di carne o derivati, quando viene scritto "carne" è di buona qualità, perché è quella destinata al consumo umano e ai controlli del caso

- i cereali possono essere presenti, ma in minima quantità

- additivi: servono per la conservazione e il colore delle crocchette. E' meglio scegliere mangimi con additivi  "naturali"  che contengono rosmarino o vitamina C

Per esempio, confrontiamo gli ingredienti di due tipi di crocchette per cani a base di pollo:

- Etichetta 1

Mais, frumento, 27% farina di pollo e farina di tacchino (tot 40%), grassi animali, farina di glutine di mais, idrolizzato di proteine, olio vegetale, minerali, polpa di barbabietola essiccata, semi di lino.

 - Etichetta 2

22% pollo disidratato, 19 % pollo disossato, patate, avena, piselli, 3% uova intere, 3%  halibut deliscato, alfalfa, 2%  grasso di pollo, 2% fegato di pollo, fiocchi d'avena,  2% olio di fegato di pollo, 2% olio di aringa, fibre, piselli, mele, pere, patate dolci, zucca, zucca popone, pastinaca, carote, spinaci, mirtilli, alga Seetang, radice di cicoria, bacche di ginepro, radice di Angelica, fiori di calendula, finocchio, foglie di menta piperita, lavanda, rosmarino, enterococcus faecium.

Nell'etichetta 1 compaiono come primi ingredienti il mais e il frumento, ovvero due cereali e non la carne. Nell'alimentazione del cane i cereali, ovvero la fonte di carboidrati, servono solo come riempitivo e non hanno nessuna funzione nutritiva, perché l'apparato digerente dell'animale non è in grado di ricavarne energia. 
Al secondo posto troviamo la carne sotto forma di farine per un totale del 40%, una quantità scarsa.
Per quanto riguarda gli altri ingredienti: i grassi di origine animale e minerali non sono specificati e non ci sono le vitamine, mentre per il resto gli ingredienti sono generici e si parla di grassi, proteine e oli senza specificare la loro origine.

È importante che tutti gli elementi nutritivi siano presenti nell'alimento e che derivino da cibi di alta qualità, cioè alimenti usati per il consumo umano, e che le parti di carne e pesce derivino da pezzi nobili dell'animale e non siano scarti.
Ad esempio, come fonte di proteine, tra la carne e quelle dei legumi sono da preferire le prime. Le proteine della carne sono dette nobili, perché sono facilmente assimilabili e con un potere energetico elevato. L'etichetta 1 quindi, non evidenzia un cibo di qualità.

Nell'etichetta 2 al primo posto osserviamo subito la presenza di carne, dove viene indicata una percentuale precisa della quantità e da quale animale proviene. Gli alimenti di cui non viene indicata la percentuale significa che sono inferiori al 2%. Facendo una somma di tutti gli alimenti che contengono proteine, questa crocchetta fornisce un totale di 55% di proteine, derivabili da cibi di alta qualità come le uova. Quindi per un animale carnivoro la quantità di proteine rappresenta una buona percentuale.
Anche qui è presente una fonte di carboidrati, ma in piccolissima parte, dati dalla patata e dall'avena. L'avena è una buona fonte digeribile di carboidrati rispetto ai cereali raffinati (riso e pasta) e grazie al suo basso indice glicemico, aiuta a mantenere costante la glicemia nel sangue.
Al terzo posto troviamo gli alimenti che forniscono grassi e successivamente quelli che forniscono le vitamine, essenziali per un buon funzionamento del sistema immunitario.

Alimenti come l'alga Seetang, Il Ginepro, la lavanda, e l'Alfalfa stimolano il metabolismo e le funzioni digestive. Per finire c'è il rosmarino come additivo naturale.
La seconda etichetta indica quindi un buon prodotto secco per cani: sono presenti ingredienti di qualità, che forniscono i principi nutritivi necessari ad un'alimentazione corretta e sana.

Curare l'alimentazione del nostro cane è importante, solo un ottimo mangime permetterà al cane di crescere e svilupparsi sano e forte, risparmiando visite del veterinario!

a cura di Barbara Buffelè educatore cinofilo - Branco Misto - http://www.brancomistoasd.com/

L’importanza delle discipline sportive nello sviluppo pedagogico del cane
I bisogni primari del cane: un’inscindibile combinazione
L'attività ludica nel cane