L’analisi dei danni causati dal collare a strozzo ha mostrato che alcuni cani presentavano una dislocazione vertebrale mentre altri avevano subito danni permanenti ai nervi.
Tale metodica si rivela non solo controindicata ai fini dell’educazione del cane, ma  concretamente pericolosa.
I principali danni causati dal collare a strozzo sono:
  • Lesioni ai vasi sanguigni dell’occhio
  • Danni a trachea ed esofago
  • Gravi traumatismi della colonna cervicale
  • Svenimenti
  • Paralisi temporanea delle zampe anteriori
  • Paralisi del nervo laringeo
  • Atassia degli arti posteriori
A cosa serve quindi un collare a strangolo?
  • A rovinare il rapporto tra voi e il vostro cane.
  • A causare forti stati di ansia e di stress nel cane, e avere comportamenti di fuga (da voi!).
  • A innescare e aumentare reazioni aggressive verso cani e persone estranee.
  • A rendere una passeggiata insieme un piccolo inferno quotidiano.
  • A trasformarvi da una persona empatica e affezionata al proprio cane in una persona che gestisce il proprio rapporto con il cane con la forza e la violenza.
Fondamentale quindi utilizzare la pettorina ma attenzione, non quella ad X, che costringe la zona delle spalle (può facilmente provocare danni in quella zona, alle articolazioni) e sfrega dietro, nella zona delle ascelle, provocando irritazioni e che è da evitare, specialmente se il cane tira, ma si consiglia l'utilizzo della pettorina ad H.

Tale pettorina è stata progettata apposta perchè il cane, anche se tirasse come un matto, non si faccia male. Infatti l’aggancio è spostato verso la schiena del cane, in modo che non si apporti danno alcuno nè al collo nè a trachea, schiena, spalle o arti anteriori. I lacci poggiano sul petto e sul tronco (lontano dalle ascelle), senza sfregare e garantendo al cane completa libertà di movimento anche nel momento in cui tira (l’altra pettorina invece tende a stringersi attorno al cane).
E’ il modello in assoluto più confortevole, è regolabile e aderisce perfettamente al corpo. In questo modo distribuisce la forza equamente sul cane, facilitando il conduttore (che riesce a condurlo più agevolmente). Inoltre permette al cane, che ha il collo libero, di comunicare correttamente con gli altri cani emettendo eventuali segnali calmanti.

a cura di Sabrina Brusa ed Elena Frattini - Ciac centro istruzione amici del cane – www.ciac-varese.it

A spasso con il cane: perché la passeggiata è importante